Cose importanti da sapere sul galateo matrimonio

Cose importanti da sapere sul galateo matrimonio

Galateo del Matrimonio

Il matrimonio è l'unione dell'amore di due persone e l'inizio di una vita nuova da affrontare insieme condividendone gioie e dolori.
Appurato che è questo ciò che veramente si vuole, ogni coppia cercherà di rendere questo giorno memorabile per i parenti e gli amici invitati alla cerimonia.
L'organizzazione del matrimonio, tuttavia, richiede di seguire alcune regole di bon ton, proprio per evitare di commettere errori e brutte figure che potrebbero "rovinare" il ricordo del giorno delle nozze.

Se volete evitare di fare brutte figure ad un matrimonio è importante sapere e conoscere le regole del galateo del matrimonio, semplici ma che spesso si ignorano o non si conoscono.

La Cerimonia
Nel galateo del matrimonio, i parenti e gli amici aspettano la sposa all’interno della Chiesa. I parenti della sposa devono disporsi alla sinistra della chiesa, mentre quelli dello sposso si disporranno a destra guardando l’altare.

Galateo partecipazioni matrimonio ed inviti
Il galateo del matrimonio prevede che le partecipazioni debbano essere invitate due mesi prima. Questo per permettere agli invitati di organizzarsi e confermare in tempo la loro presenza.

La Lista Nozze
Sebbene secondo il bon ton non sono gli sposi a segnalare cosa vorrebbero ricevere, data la sua innegabile praticità, anche il galateo si è adattato a questa tradizione purché gli sposi seguano determinate regole per compilare la lista nozze al meglio, mentre agli invitati è richiesto di mettere da parte il proprio gusto personale e attenersi strettamente alle istruzioni dettate dagli sposi.

Abito da Sposa
La sposa entrerà in Chiesa accompagnata dal padre che le darà il braccio sinistro.
L’abito può avere la schiena scoperta ed avere ricami e sfumature di colore.
Il make-up può essere naturale: smalto trasparente o leggermente rosato, trucco appena accennato e naturale.
La sposa può avere un tocco di abbronzatura in estate
La sposa può avere i guanti, il velo, la stola, un morbido scialle da tenere anche durante la celebrazione e può indossare orecchini piccoli che illuminano il viso, ma non orecchini a cerchio.
Le calze devono esserci sempre, anche d’estate, perché sono il simbolo di eleganza e di stile.

Abito da Sposo
Lo Sposo indossa rigorosamente abbottonato il Tight (per un matrimonio giovane, può azzardare un mezzo-tight), con un fiore bianco all’occhiello, obbligatorio anche per i testimoni, il padre della sposa e dello sposo.
Il collo della camicia deve essere rigido e ripiegato se la camicia è a plastron
Lo sposo può indossare un abito di lana, in qualunque stagione. D’estate si consiglia ovviamente un abito di fresco-lana.
La cravatta può essere in seta
Lo sposo può indossare un’ orologio da polso, purché sia nascosto dal polsino della camicia.

Le Bomboniere
Nel galateo del matrimonio, le bomboniere vengono consegnate 20 giorni dopo il matrimonio. Spesso però vengono consegnate personalmente durante il ricevimento come ringraziamento dagli sposi. L’importante in questo caso, è che le bomboniere siano tutte uguali, eccetto per i testimoni.

Galateo matrimonio invitati
Gli invitati devono essere puntuali ed arrivare in anticipo in chiesa rispetto alla sposa, attendendola all'interno della chiesa e a fine cerimonia, aspettare l’uscita degli sposi per il lancio del riso.
Secondo il bon ton del matrimonio, va evitato il suono del clacson durante il corteo nuziale.

Il bouquet
Per il galateo del matrimonio, lo sposo deve consegnare il bouquet alla sposa la mattina stessa delle nozze.

Musica Nuziale
La musica nuziale deve essere adatta e consona al periodo liturgico, alla natura del rito e alle singole fasi. È senza dubbio preferibile che non si suoni durante la preghiera eucaristica e che il cantante solista si esibisca solo al termine della cerimonia.

I Fiori
L’addobbo floreale dentro la Chiesa deve essere sobrio, essendo un’offerta alla Chiesa da lasciarsi alla fine del rito.

Il Riso
Il lancio del riso va fatto solo fuori dalla Chiesa, dopo aver informato il parroco.