Galateo del matrimonio per un organizzazione perfetta

Galateo del matrimonio per un organizzazione perfetta

Wedding etiquette

Articolo scritto da Tiziana Arnone


La wedding etiquette o galateo matrimonio è un insieme di regole e consigli d’uso perché l’organizzazione del vostro matrimonio sia all'insegna del bon ton.

Il galateo è un codice di comportamento basato sul concetto del “saper stare” in società.
Le cose si fanno più complesse perché la scioltezza con cui si è “social” intacca e modifica anche le regole del bon ton, e, nel caso specifico, di quelle del galateo.

Andiamo per gradi analizzando le “voci” che compongono il galateo matrimonio.

Partecipazioni e inviti

Rappresentano l'annuncio del vostro SÌ a parenti e amici e sono il biglietto da visita del tema che avrà il vostro matrimonio. Si partecipa a una gioia del genere per tempo, non all'ultimo minuto: è consigliabile consegnare le partecipazioni e gli inviti con tre mesi di anticipo sulla data del vostro matrimonio.

Di partecipazioni e inviti si può parlare insieme perché basta un unico biglietto per operare la distinzione tra invitati che parteciperanno al ricevimento e non. Si può, infatti, togliere ogni riferimento alla location, lasciando quelli relativi allo svolgimento della cerimonia.
Un segno dei tempi è un occhio più attento al budget. Una delle modalità più diffuse è privilegiare l'unità di luogo. In questo caso, con l'invito non si può incorrere in errori grossolani perché chi partecipa alla cerimonia prende parte anche al ricevimento.

Lista nozze

All’interno dell’abc del galateo matrimonio, la lista nozze è uno strumento che anticipa una risposta a una domanda annosa: “cosa possiamo regalarvi?”. Certamente questo interrogativo non vi verrà rivolto da chi ha già pensato di fare come regalo di nozze, la famigerata busta.
In questo caso, presso la location, è preferibile allestire una gift box nella quale, con discrezione, ogni invitato farà scivolare la sua busta cadeau e la sposa (o gli sposi, insieme) restituiranno la cortesia consegnando la bomboniera.

A ogni modo, se volete semplificarvi la vita, e non volete ricevere doppioni o inutilità, aprite una lista nozze almeno 4 o 5 mesi prima della data del matrimonio e stampatene i dati sia sugli inviti che sulle partecipazioni. Abbiate cura, nella scelta degli articoli che comporranno la vostra lista nozze, di considerare fasce di prezzo per tutte le tasche.
Un’alternativa oggi sempre più di moda, visto che tante coppie già convivono, è creare la lista viaggio di nozze.

Fedi

Secondo il galateo del matrimonio, le fedi devono recare, al loro interno, nome e data. Nome di battesimo, mi raccomando, non diminutivi o vezzeggiativi. E mirate alla semplicità per essere sempre bon ton. Il cerchio è il simbolo dell'essenza, evitate pietre e luccichii vari, basteranno quelli dei vostri occhi. Le fedi saranno custodite dai laccetti del cuscino portafede. se volete azzardare un “americanismo” ed evitare i paggetti, potete darle in custodia ai vostri rispettivi testimoni.

Cerimonia e Ricevimento

Stando al galateo matrimonio, sono questi due fra i momenti più delicati. Vediamo come potrete destreggiarvi. Se la cerimonia si svolge in chiesa, gli invitati dello sposo con lo sposo, saranno i primi ad arrivare. E niente indugi nel dove sedersi. Il clan dello sposo siede a destra. Il clan della sposa, a sinistra.

Secondo le buone maniere, lo sposo può aspettare la sposa all'ingresso della chiesa o della casa comunale oppure all'altare o al tavolo dell'ufficiale comunale. La sposa è accompagnata dal papà. Se non ci fosse il papà, la sposa ha la possibilità di scegliere chi vuole. In genere un consanguineo, anche di sesso femminile. Lo sposo, invece si fa accompagnare dalla madre (che già trema per quelle camicie che non saranno stirate come fa lei!) ..se la madre si emoziona troppo facilmente, lo sposo potrà scegliere un’altra figura di riferimento. Ma onestamente, poco importa. Perché la regina della festa è la sposa.

Anche alle spose che nella vita di tutti i giorni brillano di puntualità è consentito di arrivare in ritardo. Ma non bisogna eccedere i 20 minuti, a meno di un attacco alieno o di un pezzo di meteorite che ha distrutto la macchina!
Evitate, poi, di trovare una location che sia esattamente dalla parte opposta di dove si è svolto il rito nuziale. Il matrimonio è una festa per tutti e passare in macchina oltre mezz’ora per arrivare da una parte a un’altra è faticoso!
Se siete al secondo, terzo..ennesimo matrimonio, perché non è finita finché non è finita, sappiate che il galateo matrimonio prevede di dover usare il cappello e non il velo. Che ne dite di una bella gita ad Ascot in cerca d'ispirazione?!

Come comportarsi quando si arriva al luogo del ricevimento secondo il galateo del matrimonio? Semplice, comportarvi come quello che avete deciso di essere: uniti come una sola persona. Sempre insieme ai tavoli da amici e parenti inframezzando il loro pasto con le vostre apparizioni. E ricordate, mangiare non è sgarbato, lo prevede il bon ton, quindi dedicate del tempo anche alla vostra coppia.

Wedding cake

Quanto al taglio della torta, momento fatidico e simbolico, la tendenza nuova del galateo è di allegerirne le vestigia di un machismo poco attuale. Siamo negli anni duemila, insieme si incide la torta e ci si serve l'un altro. Seguono poi i familiari. Oltre alla torta, è usanza che ci sia anche un buffet dei dolci dal quale gli invitati di servono da soli in attesa del taglio della torta.

Sistemazione dei tavoli

Questa voce merita un capitolo a parte, è fra le più spinose perché, è per certo, che avrete l'ingrato compito di unire, al medesimo tavolo, dei perfetti sconosciuti. Il vostro imperativo, o meglio quello indicato anche dal galateo matrimonio, sarà quello di fare in modo che, nei limiti del possibile, ci sia quantomeno un denominatore comune.

Chi paga cosa

Questa è una “voce” spigolosa che segna decisamente il passaggio dal prima all'oggi.
Nella gran parte di casi gli sposi già convivono, per cui la tendenza è di fare tutto insieme, quindi anche a metà le spese.
Non abbiate paura, la tradizione può essere tralasciata. Rispettate della tradizione quanto dice in merito a fedi e bouquet, che avrete scelto insieme
Se siete proprio curiosi di sapere come si faceva prima, potete leggere come si dividono tra sposo e sposa le spese matrimonio.

La wedding etiquette per gli invitati

Inviti

La prima delle regole è di rispondere all'invito. Non è così scontato che questo avvenga. O meglio, quasi mai entro la data indicata. Molto spesso, ci sono le telefonate dell'ultima ora, con risposte del tipo: “ma certo che vengo!”. Solo che agli sposi non era arrivata nessuna comunicazione. Attenzione quindi, quando si legge sulle partecipazioni R.S.V.P., rispondere all'invito non è un optional.

Dress code

Ricordate, care invitate, che “the queen” è la sposa.
No al bianco e al nero. No al dorato e al rosso. E, per finire, no al viola. Osate, semmai il giallo, se le tinte pastello non vi convincono. In ogni caso, non vi snaturate e fate che il vostro outfit sia un modo per partecipare alla gioia degli sposi. Non è il momento di catturare l'attenzione altrui. Il faro principale è già puntato sulla sposa. Siate eleganti al punto giusto. Ricercate la semplicità.

Stesso discorso vale per i signori uomini invitati benché le scelte siano più immediate. Tuttavia, no a pantaloni alla pescatora o quasi. Cravatta e giacca di rigore. Se la location lo consente, concedetevi un momento di relax dal sapore moderno: osate togliere la cravatta, ma tenete la giacca. Anche d'estate.

Lancio del riso

Lo so che siete felici e non vedevate l'ora di lanciare qualsiasi cosa, ma una mitragliata di riso non è mai ben gradita. Il bon ton impone grazia e delicatezza, per questo siate sempre educati e gentili, anche quando prenderete il vostro cono dal cestino sistemato fuori dal luogo del rito.

Cosa da non dire e quando andare via

Siete a una festa particolare. Vietato lamentarsi di eventuali disorganizzazioni. Rivolgetevi alla wedding planner, se è stata prevista, per qualunque disguido tecnico, o allo staff della location. Siate rispettosi del vostro ruolo. E bandite i commenti acidi. Siete lì per divertirvi...se proprio non ce la fate più, il pupo piange e non siete in grado di intrattenerlo, il galateo del matrimonio consiglia di andare via non prima del taglio della torta.

Ringraziate e salutate gli sposi. Lasciate la vostra busta cadeau, e se non avete provveduto o avete fatto un altro tipo di regalo, prendete con disinvoltura la bomboniera.
Solo una volta in macchina potrete disfarvi delle pene da festa: il tacco 12 che affligge i vostri piedi.